Marzio Toniolo. DENTRO LA PRIMA ZONA ROSSA

Diario dal centro della pandemia

Sala della Terrazza. Dal 9 marzo al 2 aprile 2021

A un anno esatto dal primo lockdown arriva a Cagliari, in prima nazionale, l’emozionante reportage fotografico di Marzio Toniolo dal cuore della pandemia COVID19.

“San Fiorano (Lodi), 21 febbraio 2020. Alle sette di mattina un sms mi ha informato del primo caso di positività al Covid-19 presso l’ospedale di Codogno, a 2 km da casa mia. Il primo in Italia. Il primo in Europa. Il primo nel mondo occidentale.
Nessuno avrebbe mai immaginato che quello sarebbe diventato l’epicentro di un evento in grado di cambiare ben presto le nostre vite e quelle dell’intero pianeta.”.

Marzio Toniolo. Il disegno del nemico

Inizia così il racconto fotografico Dentro la prima zona rossa, diario dal centro della pandemia, che dal 9 marzo al 2 aprile porta all’EXMA di Cagliari, in prima nazionale, gli scatti realizzati da Marzio Toniolo a Codogno e in diversi paesi del lodigiano allo scoppio dell’emergenza COVID19.Una scelta, quella del 9 marzo, non certo casuale in quanto proprio il 9 marzo 2020 l’allora Primo Ministro Giuseppe Conte decise il primo lockdown generale in tutta Italia, poi comunicato in una diretta notturna su Facebook: l’Italia intera diventerà “zona protetta”.

Marzio Toniolo. La tenda in cortile

PRENOTA IL TUO BIGLIETTO

Condividi questo contenuto

Informazioni

Orari di apertura
Dal 9 marzo al 2 aprile 2021. Dal lunedì al venerdì, orario continuato dalle 10.00 alle 18.00
Chiuso il sabato, la domenica e i festivi

Indirizzo
Via San Lucifero, 71 09127 Cagliari

Contatti
Responsabile centro Carla Rubiu
Tel. 070 666399
exma@consorziocamu.it

Accessibilità
Le persone con disabilità motoria possono raggiungere il centro con la linea dedicata del CTM Amicobus (numero verde 800 259745). L’EXMA è accessibile in tutti gli spazi aperti al pubblico, inclusi i servizi igienici e non presenta barriere architettoniche

Biglietti
Attenzione: dal 9 al 12 marzo la mostra può essere visitata utilizzando lo stesso biglietto di ingresso valido per Contact Zone. Arte e Comunicazione secondo Federico Clapis compilando questo modulo.
Per le prenotazioni che partono dal 15 marzo il costo di ingresso sarà di 2 € e sarà necessario prenotare utilizzando il modulo dedicato che sarà disponibile online a partire dal 22 febbraio.
Gratuito: bambini fino a 7 anni, disabili

Prenotazioni
L’ingresso alla mostra sarà consentito a un numero massimo di due visitatori per volta se non conviventi e ad un massimo di 4 persone se appartenenti allo stesso nucleo familiare. Potrebbe essere necessario attendere all’esterno. È preferibile prenotare prima i biglietti compilando il modulo seguendo le indicazioni riportate sopra.

Come raggiungere l’EXMA
Lo spazio si trova nel quartiere Villanova ed è facilmente raggiungibile: dalla Piazza Matteotti, con 10 minuti di camminata, o con l’utilizzo degli autobus di linea CTM1 (fermata Via Sonnino/Piazza Gramsci), M (fermata Via Sonnino/Piazza Gramsci), o il 30 e 31 (fermata via Dante fronte Tribunale Minorile/San Saturnino). È inoltre prossima alla stazione capolinea di Metro Cagliari (metropolitana leggera di superficie da e verso l’hinterland) di Piazza Repubblica (5 min. a piedi dall’EXMA).

BIO

Marzio Toniolo è nato nel 1984 a Ponte dell’Olio (Pc). Dopo otto anni trascorsi nella provincia di Lodi si trasferisce con la famiglia in Sardegna, a Dolianova (SU), dove vive per più di vent’anni. Nel 2015 torna in Lombardia, prima a Milano e tre anni dopo a San Fiorano (Lo), in cui risiede con la moglie Chiara e la figlia Bianca.

Laureato in Scienze della Formazione Primaria, è docente di scuola primaria e fotografo freelance per l’agenzia Reuters.

Autodidatta, la sua passione per la fotografia nasce in tempi relativamente recenti, spinta dall’esigenza di caratterizzare la vita e i soggetti di una casa di riposo per anziani. 

Il suo modo di scattare si è evoluto alla ricerca, forse non fondamentale, di un’identità; ma è l’elemento umano, in tutte le sue forme, ad affascinare ed essere sempre presente nelle sue immagini, nella sua componente narrativa più che antropologica: il bisogno è quello di documentare o, meglio, raccontare.

Lo fa soprattutto durante i suoi viaggi, dall’Iran agli Usa passando per i paesi dell’area balcanica e a quelli dell’ex Unione Sovietica.

Le sue foto sono state pubblicate su giornali, riviste o magazine internazionali tra cui possiamo citare CNN, New York Times, Le Monde, Der Spiegel, NZZ, Liberation, La Repubblica, Zeit, VG, Voice of America, Lensculture, Eye Photo Magazine, Arttribune, Pellicola Mag, Huck Magazine e The Mammoth’s Reflex.

Instagram
YouTube

Seguici sui nostri canali social!

Menu