Al Castello di San Michele e all’EXMA una domenica diversa dal solito in compagnia di Casa Falconieri. In programma visita guidata all’interno della mostra e un laboratorio per principianti.

Prendiamo un pesce vero, intingiamolo nel nero di seppia e realizziamo una stampa su carta, seguendo il Gyotaku, una tecnica molto in voga nel Giappone del 1800. È questa una delle tante curiosità che si potranno scoprire e sperimentare direttamente al Castello di San Michele, nel corso di una particolarissima visita guidata alla mostra On Papers, firmata da Casa Falconieri e realizzata in collaborazione con il Consorzio Camù, in ATI con l’associazione Orientare. L’appuntamento, per adulti e bambini, è per domenica 23 febbraio alle ore 11.

E per chi volesse approfondire la conoscenza dell’arte incisoria, Casa Falconieri organizza, sempre domenica ma dalle ore 16 all’EXMA, un laboratorio per principianti dove si avrà a che fare con un vero torchio e dove ognuno potrà realizzare e portarsi a casa la sua incisione.

CASTELLO DI SAN MICHELE: PROGRAMMA DEL MATTINO

A partire dalle ore 11, una visita sorprendente nel Castello di San Michele, nel cercare la bellezza del segno e della chimica che nasconde una lastra da incisione. Gli acidi, gli attrezzi, la meraviglia della carta, la macchina che schiaccia e imprime un segno attraverso l’inchiostro: la stampa!

 

Guardiamo le incisioni contemporanee. Con un piccolo torchio, ma veramente piccolo quanto un foglio A3, stampiamo un segno con tutto il pubblico: graffiare una lastra, inchiostrarla velocemente, mettere la carta, girare la piccola ruota, ecco il miracolo dell’incisione. UNA STAMPA.

 La stampa con il baren. Viaggio attraverso uno strumento semplice che sfrega e trasporta il segno dalla matrice alla carta. Una lastra in rilievo, un po’ di colore, la carta che si sovrappone, ecco la meraviglia del trasporto dell’immagine sulla carta

L’antica arte giapponese del Gyotaku. I giapponesi realizzavano queste stampe con le prede appena pescate…  inchiostriamo i pesci con il nero di seppia e la china e si ricoprono con della carta giapponese: questi lasciano subito la loro impronta”.

ll Gyotaku (dal giapponese gyo “pesce” e taku “sfregamento”) consiste in una stampa naturale che imprime pesci e creature marine sulla carta. Questa tecnica nasce in Giappone nel 1800 grazie ai pescatori che, per “immortalare” le prede più grandi, le imprimevano sulla carta registrando le loro imprese ed i loro bottini.

Questa forma di istantanea è diventata con il tempo una vera e propria tecnica artistica, conosciuta perlopiù in oriente.

EXMA: PROGRAMMA DEL POMERIGGIO

Negli spazi del centro d’arte di via San Lucifero, a partire dalle ore 16 e fino alle ore 19,  un laboratorio, rivolto agli amanti dell’arte, ai curiosi dell’incisione e a quelli che intendono sperimentare e approfondire, la conoscenza delle tecniche di incisione. L’appuntamento, condotto dall’artista Gabriella Locci, ha l’obiettivo di sviluppare la creatività artistica attraverso la pratica delle tecniche di incisione diretta quali xilografia e puntasecca. I partecipanti potranno realizzare e stampare il proprio elaborato. Non è indispensabile la conoscenza delle tecniche di incisione in quanto si tratta di incontri strutturati che si propongono di avvicinare i partecipanti al mondo dell’Arte e a quello dell’Incisione con occhi più attenti. Ogni partecipante avrà a disposizione tutti gli strumenti necessari per realizzare la propria incisione. Le lastre incise saranno stampate con il torchio professionale e saranno i partecipanti che, sotto la guida dei docenti, stamperanno il proprio elaborato. La matrice e la stampa saranno consegnate all’autore. In fase di stampa è prevista la sperimentazione delle carte Arches, Awagami e della carta a mano prodotta dal Taller Eskulan.

Per partecipare al laboratorio è obbligatoria la compilazione e l’invio della scheda di iscrizione scaricabile qui. 

La quota di iscrizione, pari a 25 €, potrà essere versata il giorno stesso.

 

Tempo e luoghi. Da Francisco Goya a Nino Dore” fa parte del progetto ON PAPER, giunto alla sua quinta tappa. (Leggi la notizia completa).

Menu